NotiziaRealta virtuale

Fermati e annusa le rose – Dallo spazio

una foto di una donna con una polo marrone che utilizza un visore per realtà virtuale e controller

Renee Abbott e Ana Diaz Artiles stanno esaminando la tecnologia della realtà virtuale multisensoriale come strumento per supportare la salute comportamentale degli astronauti nelle missioni di lunga durata.


Ingegneria A&M del Texas

Gli astronauti stanno tornando sulla luna e questa volta si stanno concentrando sulla creazione della prima presenza a lungo termine. Successivamente, la NASA ha gli occhi puntati su un viaggio su Marte.

Con queste missioni di lunga durata all’orizzonte, nuove sfide dovranno essere prese in considerazione su tutti i fronti. La luna è a circa 238.855 miglia dalla Terra, ma un viaggio su Marte per un astronauta significa viaggiare a circa 140 milioni di miglia di distanza e lasciare il nostro pianeta per circa tre anni. A causa di questa distanza, gli astronauti dovranno anche affrontare un ritardo di comunicazione di 20 minuti dalla Terra a Marte.

Sebbene queste missioni e il potenziale di scoperta siano entusiasmanti, gli astronauti avranno bisogno di ulteriore supporto per gestire gli effetti comportamentali dell’isolamento, del confinamento e della distanza da casa.

“Per le future missioni a lungo termine, non avremo comunicazioni in tempo reale o la possibilità di inviare pacchetti di assistenza come facciamo ora, quindi la NASA sta cercando altri metodi per aiutare a mantenere la salute e le prestazioni comportamentali”, ha affermato Renée Abbottstudente di dottorato in Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale alla Texas A&M University.

Abbott sta lavorando con il suo consulente di facoltà, Articoli di Ana Diaz, un assistente professore nel dipartimento, per affrontare questa preoccupazione utilizzando la realtà virtuale (VR). Nello specifico, stanno studiando gli effetti dell’incorporazione di profumi in un ambiente VR.

“Durante le missioni di volo spaziale di lunga durata, gli astronauti sperimentano una significativa deprivazione sensoriale. Ciò può avere conseguenze dannose su più livelli, dalle risposte fisiologiche allo stress e all’isolamento, al decremento della salute e del benessere comportamentale”, ha affermato Diaz Artiles. “Stiamo creando esperienze multisensoriali ‘aumentate’ o ‘arricchite’ che potrebbero portare a individui più sani con migliori prestazioni e salute comportamentale”.

un'immagine di un paesaggio virtuale con palme, rocce ed erba.  In lontananza, il sole sta tramontando in un cielo nuvoloso, gettando un raggio di luce su un'infinita distesa d'acqua

La natura ha effetti psicologici e fisiologici benefici e può aiutare gli astronauti a combattere l’isolamento e la reclusione durante le missioni.


Per gentile concessione di Renée Abbott

Quando assumiamo un odore, le informazioni provenienti da quegli odori vengono indirizzate dal nostro sistema olfattivo al nostro sistema limbico, che è una parte del cervello associata ai processi emotivi e di memoria. Ecco perché una candela profumata può ricordarti i biscotti fatti in casa a casa della nonna, oppure il profumo può evocare certe emozioni.

Abbott e Diaz Artiles stanno analizzando questi effetti che i profumi possono avere sullo stato psicologico costruendo i profumi in un ambiente naturale VR. L’aggiunta di profumi a un’esperienza VR è già stata fatta in precedenza, ma l’uso di profumi localizzati da parte di Abbott e Diaz Artiles separa il loro lavoro dalla ricerca precedente.

Un utente potrebbe camminare vicino a un fiume nell’ambiente VR e non solo sentire il rumore dell’acqua che scorre veloce, ma anche annusare l’erba bagnata. Oppure, se vagavano in una zona boscosa, sentivano il fresco profumo del pino. Ciò si ottiene utilizzando le hitbox, che sono forme invisibili nell’ambiente VR che si attivano quando l’avatar si scontra con esse.

“Speriamo che l’utilizzo della realtà virtuale per consegnare la natura agli astronauti sia vantaggioso”, ha affermato Abbott. “Sulla Terra, la natura ha impatti benefici per noi psicologicamente e fisiologicamente, quindi stiamo cercando di creare la simulazione più vicina possibile alla natura reale aggiungendo stimoli olfattivi”.

Nel condurre il loro studio, Abbott e Diaz Artiles hanno misurato i livelli di ansia degli utenti prima e dopo aver vissuto un evento stressante. I risultati hanno mostrato che l’aggiunta di stimoli olfattivi non solo ha ridotto i livelli di ansia degli utenti dopo aver sperimentato uno stress elevato, ma ha anche ridotto i livelli di stress e ansia rispetto al valore di base.

UN descrizione del loro studio era nel numero di agosto della rivista Acta Astronautica.

un'immagine di un paesaggio virtuale con un prato pieno di fiori, alberi e colline

Renee Abbott sta costruendo ambienti virtuali e incorporando profumi per creare un’esperienza più coinvolgente e stimolante.


Per gentile concessione di Renée Abbott

“I risultati indicano che l’uso di ambienti VR multisensoriali è una contromisura promettente per supportare la salute comportamentale”, ha affermato Abbott. “Vedremo anche l’aggiunta di altri stimoli sensoriali, come le illusioni della temperatura, e come possiamo utilizzare questa tecnologia per creare pacchetti di assistenza virtuale”.

I pacchetti di assistenza virtuale potrebbero essere utilizzati per integrare i bisogni sociali degli astronauti aiutandoli a sentirsi più connessi a casa. Abbott immagina, ad esempio, che una persona cara possa inviare un messaggio registrato e fiori virtuali accompagnati dal profumo di lavanda e rosa.

I ricercatori sperano anche di collaborare con la Marina per condurre esperimenti sulle navi nell’arco di poche settimane per osservare effetti più a lungo termine in un ambiente simile alla privazione sensoriale sperimentata durante la missione di un astronauta.

Questa ricerca è finanziata dal NASA Space Technology Graduate Research Opportunities Award di Abbott, che riconosce gli studenti laureati che mostrano un potenziale significativo per contribuire all’obiettivo della NASA di creare nuove tecnologie spaziali innovative per il futuro della nazione nella scienza, nell’esplorazione e nell’economia.


Source link

Related Articles

Back to top button